Programma

Programma

Milano City dell’Eurozona

Per effetto della Brexit, le attività di clearing di transazioni denominate in Euro lasciano Londra per stabilirsi nell’Eurozona.  Questo passaggio va colto, per promuovere il ruolo di Milano come capitale finanziaria dell’area Euro, hub economico e ponte commerciale con la City di Londra.

Valorizzare Borsa Italiana

La Borsa di Milano, la Cassa di Compensazione e Garanzia, la Monte Titoli e il Mercato Telematico dei Titoli di Stato costituiscono l’ossatura dell’infrastruttura di mercato. Borsa Italiana, quale parte del London Stock Exchange (LSE) Group, va protetto e valorizzato, approfittando dell’allineamento di interessi tra il capitale britannico in Italia e lo sviluppo della piazza finanziaria italiana.

Ufficio di Rappresentanza Commerciale

Il ruolo della piazza finanziaria italiana in Europa va comunicato e promosso con costanza. Il rapporto con gli stakeholders della City di Londra va ripensato sulla base di una cooperazione rafforzata.  Inoltre è necessario organizzare sistematicamente il marketing del territorio. E’ necessario costituire un’agenzia per il marketing metropolitano mista pubblico/privato ed è opportuno stabilire un ufficio di rappresentanza commerciale permanente di Milano nella City di Londra.

Consorzio Milano. Distretto: Affari

Per massimizzare l’attrattività della piazza finanziaria italiana, i mercati attendono misure idonee a ridurre il rischio paese.  E’ necessario adoperarsi per la costituzione del consorzio Milano.Distretto:Affari.  La struttura consortile riduce il rischio di inefficienza burocratica. La sottoscrizione di una clausola arbitrale riduce il rischio di lentezza della giustizia. L’adozione di un codice del distretto riduce il rischio di incoerenza normativa.

Decreto per il Rientro dei Cervelli

La capacità di attrarre capitale umano è centrale per una strategia di sviluppo a tutto tondo. I decreti sul rientro dei cervelli hanno mostrato di essere una misura efficace e poter innescare il controesodo. Occorre estenderne l’ambito di applicabilità per assicurare parità di trattamento alla forza lavoro trasferita in Italia e attivare un esodo virtuoso.

Un Porto franco nell’area Expo

Il settore finanziario necessita di un cluster di competenze accessorie per amplificare la capacità di traino allo sviluppo. L’area Expo può trovare una nuova vocazione commerciale ed integrarsi alla filiera del valore aggiunto trasformandosi in porto franco.

Tobin Tax e Capital Gain Tax

A fronte di un contributo al gettito ridotto, la Tobin Tax grava come un macigno sulla capacità del mercato italiano di prezzare efficacemente gli assets finanziari e per tanto va abolita.  Analogamente, la capital gain tax presenta delle caratteristiche di asimmetria che penalizzano il capitale di rischio e gravano sulla capacità di finanziamento delle imprese. Va ripensata per allinearsi agli schemi fiscali più avanzati adottati nei maggiori centri finanziari mondiali.

Desideri ricevere news e aggiornamenti?