++ HAMMOND E XI JINPING LANCIANO UN FONDO ANGLO-CINESE. IL TIMONE A DAVID CAMERON ++

++ HAMMOND E XI JINPING LANCIANO UN FONDO ANGLO-CINESE. IL TIMONE A DAVID CAMERON ++

Milano, 18 Dicembre 2017

Lupus in fabula. La Cina e l’Uk hanno annunciato il lancio di un nuovo fondo di investimento in progetti infrastrutturali, che affianca l’iniziativa “One belt one road”, lanciata da Xi Jinping per conquistare un ruolo di leadership economica globale per la PRC.
Il Cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, ha rivelato che a dirigere il fondo anglo-cinese sarà l’ex premier britannico David Cameron, l’uomo che ha portato l’Uk fuori dall’Ue. Alla luce di quello che Bepi Pezzulli, il Presidente di Select Milano, scriveva già da tempo (in allegato editoriale su MilanoFinanza) il significato della Brexit è ora palese, “la Brexit è la leva per riposizionare l’asse geopolitico britannico ad Oriente: sono la Cina e la penisola Araba, finanza cinese e finanza islamica, le priorità strategiche della City“.
Inoltre, anticipa Pezzulli, “a breve sarà varato il dual listing dei titoli azionari sulle Borse di Londra/Shangai e l’accordo di mutuo riconoscimento tra Uk e Cina per i rispettivi fondi comuni d’investimento”.
Benché impegnata nel negoziato con Bruxelles, l’Uk sta mostrando tutta la sua capacità di riforma, avendo già varato tagli alle aliquote fiscali delle imprese, norme di riforma del sistema dei pagamenti, nuove regole per la quotazione in borsa di compagnie di Stato, il fondo Anglo-Cinese. Dice un proverbio indiano: quando il dito punta alla luna, lo stolto guarda il dito. La Brexit appare sempre più un capolavoro di strategia economica, a dispetto delle letture strumentali di chi predica disastri.
Il contesto rimane di assoluto favore per l’Italia, che può cogliere le esternalità prodotte dal nuovo ordine economico per accelerare il progetto di Milano capitale finanziaria. Ma per farlo, occorre saper esprimere leadership e progettualità.
Rerum cognoscere causas.

DOWNLOAD "In Asia con vista su Milano" l'editoriale di Bepi Pezzulli su Milano Finanza